NOTIZIA SHOCK: IL LATTE E’ LA CAUSA PRINCIPALE DEL CANCRO

latte




Sta facendo scalpore nella comunità scientifica mondiale la recente dichiarazione del celebre biochimico e nutrizionista statunitense T. Colin Campbell, già noto per il controverso rapporto The China Study che esplora le correlazioni fra alimentazione occidentale con tumori, malattie cardiovascolari e diabete.

Lo scienziato, una bandiera della comunità vegana internazionale, ha infatti dichiarato che la sostanza più cancerogena per l’uomo sarebbe infatti la caseina, una famiglia di proteine animali presente sopratutto nel latte e nei suoi derivati. In realtà, spiega il professore, il problema non sarebbe la caseina in sé ma gli ormoni che questa va ad attivare dopo la sua assunzione: le proteine agirebbero su un particolare ormone della crescita simile all’insulina che andrebbe però a stimolare la crescita delle cellule tumorali all’interno del nostro organismo.

Per dimostrarlo, il biochimico e la sua équipe hanno compiuto esperimenti su diversi tipi di latte: gli unici risultati “sicuri” perché incapaci di nutrire il tumore sono stati quelli di derivazione vegetale, come il latte di soia, grano o di cocco.

latte

Si tratta di una dichiarazione che farà sicuramente discutere: il latte infatti è da sempre indicato come un alimento sano, adatto ad ogni età ma sopratutto a soggetti in crescita; se l’intuizione di T. Colin Cambell si rivelasse esatta potremmo essere costretti a modificare radicalmente la nostra dieta abituale. In realtà, il professore non è il primo a muovere simili accuse ad un’alimentazione ricca di latticini: negli USA il recente programma Physicians Health Study, durato oltre dieci anni, ha tenuto sotto stretta osservazione la condizione fisica di oltre 20 000 medici (maschi) riscontrando che i consumatori abituali di latte e derivati andavano incontro a un aumento di oltre il 30% di possibilità di sviluppare il cancro alla prostata.

Un dato importante e inquietante, dunque, che meriterebbe di essere approfondito quanto prima da parte della comunità scientifica.



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *