“E IO PAGO! LE STRANE DISPARITA’ TERRITORIALI DELLA RC AUTO”

L’Italia è il paese con la RC auto più cara in Europa, ma oltre il danno la beffa: una parte del paese paga mediamente di più, ovvero il Sud Italia, con Puglia e Campania nel primato negativo in questa categoria. Nel 2014 uno studio del sito Facile.it ha stabilito che Taranto aveva una media di 700 euro di premio assicurativo, praticamente il doppio di Como con 305 euro, a sua volta la provincia più cara della Lombardia. I motivi di questo divario? Nel 2012 un emendamento fu bocciato alla Camera con la tesi che nel Mezzogiorno si registrano più sinistri, ma a far lievitare le cifre diversi altri fattori: frodi, cattivo stato delle strade, tutti elementi che non giustificano questa situazione.

In seguito a una proposta di legge denominata ‘Tariffa Italia’, finalmente nell’ottobre 2015 alla Camera è passata all’interno del DDL Concorrenza una vera e propria riforma del settore RC auto, che prevede forti sconti per chi non ha avuto sinistri negli ultimi 5 anni in regioni dove si paga una somma superiore alla media nazionale. L’obiettivo in sostanza è di premiare chi, non per colpa sua, viva in zone penalizzate per i motivi elencati precedentemente, ma lo scoglio ancora da superare è ovviamente quello dell’esame al Senato.

Anche perchè le resistenze ci sono e indubbiamente forti, a partire dall’Ania, ovvero l’Associazione imprese assicuratrici: che ha paventato il pericolo che questo livellamento in basso per alcune zone aumenterà i prezzi nelle altre aree d’Italia dove attualmente si paga di meno. “Il fattore territoriale incide eccome, è un malinteso senso di giustizia quello che vuole equiparare regioni dove il rischio di sinistro è oggettivamente diverso”, ha rilevato il presidente Giampaolo Crenca. E inoltre è difficile che la Lega non prenda posizione contro quello che sarebbe visto come un regalo al Sud , se parliamo di forze politiche ostili.

Ma anche allargando lo sguardo all’Europa, come può essere giustificabile che a Napoli si paghi 30 volte di più che a Berlino, pur tirando in ballo l’esuberanza partenopea al volante? Un ultimo dato per riflettere, e questa volta a livello nazionale: nel periodo 2008-2012, per la RC auto abbiamo pagato in media 231 euro di più rispetto ai maggiori paesi europei, una bella cifra che esce dalle nostre tasche. Insomma, Nord e Sud, ognuno ha le sue ragioni, ma alla fine, paghiamo tutti troppo…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *