Addio all’attestato di rischio cartaceo

L’attestato di rischio, ovvero quel documento che le compagnie assicurative fanno pervenire agli assicurati prima della scadenza della polizza e sul quale compaiono tutti gli eventuali sinistri provocati negli ultimi cinque anni, non esiste più. Perlomeno non esiste più nella forma cartacea in cui eravamo abituati a vederlo, dal 1° luglio 2015, infatti, è stato sostituito da un documento digitale. A dire il vero, poiché doveva essere consegnato almeno trenta giorni prima della scadenza della polizza, l’attestato di rischio digitale ha fatto il suo debutto già nel mese di giugno per i contratti Rca con scadenza a luglio.

Ma come mai gli assicurati non hanno ricevuto nulla? Perché con la digitalizzazione gli AdR, invece di essere spediti a casa, confluiscono in una banca dati gestita dall’ANIA (Associazione Nazionale delle Imprese Assicuratrici) e controllata dall’IVASS (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni). Si sono dunque trasformati in documenti esclusivamente virtuali e, poiché, essi vengono richiesti nel momento in cui si desidera cambiare compagnia, la nuova società assicuratrice si rivolgerà direttamente alla banca dati dell’ANIA per conoscere la classe di rischio e il numero di sinistri provocati dai nuovi clienti.

Gli attestati di rischio rimangono comunque anche all’interno della banca dati della propria assicurazione e sono disponibili sul suo internet in un’area riservata. Qui possono essere consultati e scaricati, ma le novità non finiscono qui perché gli AdR potranno essere inviati telematicamente anche attraverso app e social network, in questi casi però deve essere lo stesso contraente a fare esplicita richiesta alla compagnia, ammesso che la società assicuratrice abbia deciso di attivare anche queste due possibilità.

E chi non ha familiarità con computer e smartphone? Per queste persone è previsto che, nel caso lo richiedano, l’agente che stipula il contratto, possa consegnare loro una copia cartacea dell’attestato di rischio, tuttavia si tratta di un documento di esclusivo uso personale, in quanto i dati confluiscono comunque nella banca dati dell’ANIA. Infine l’AdR digitale diventa disponibile non solo per il contraente, come era in precedenza, ma anche per tutti coloro che ne hanno diritto, eventualità che si verifica quando il proprietario è una persona diversa da chi ha sottoscritto il contratto di assicurazione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *